Questo browser non è più supportato.
Per continuare a utilizzare la nostra piattaforma
AGGIORNA IL BROWSER

Cos’è l’equity crowdfunding e come funziona

Alla scoperta dello strumento di investimento collettivo in aziende non quotate, realizzato attraverso piattaforme web

L’equity crowdfunding è uno strumento di investimento collettivo in aziende non quotate, realizzato attraverso piattaforme web. In parole semplici, si tratta di finanziare una società attraverso una raccolta aperta anche a investitori comuni, che diventano così soci.

In Borsa, questo si può fare acquistando le azioni grazie a un qualsiasi sistema di trading. Ma per le aziende non in Borsa, questo richiederebbe un notaio e tanti passaggi burocratici. Inoltre è molto difficile venire a conoscere di società che stanno cercando di ampliare il loro capitale, per molti impossibile. È importante ricordare che si tratta di un investimento ad alto rischio, per cui è bene conoscerne tutti gli aspetti prima di iniziare.

I risultati dell’equity crowdfunding

Se poi parliamo di crowdfunding per le startup, le opportunità diventano ancora maggiori. Le startup portano con sé grandi potenzialità, basta vedere i risultati di Amazon, partita nel 1994 con soli 300.000 dollari di investimenti, e arrivata oggi a valere 1.700 miliardi di dollari. Vuol dire che se una persona avesse investito 1.000 dollari nel 1994, oggi avrebbe 5,6 miliardi dollari.

Amazon è certamente un caso eccezionale, ma gli obiettivi di chi investe in startup sono proprio gli alti ritorni, pur sapendo che ciò comporta anche grandi rischi. CleanBnb è una startup italiana, nata nel 2017 e subito passata da CrowdFundMe per una campagna di raccolta di capitali. Nel 2019, CleanBnb è sbarcata in Borsa, garantendo ai suoi investitori iniziali un ritorno superiore a 20 volte. Anche in questo caso, facciamo un esempio pratico: chi ha investito su CleanBnb 10.000 euro, allo sbarco in Borsa si è ritrovato 240mila euro.

Come funziona la piattaforma di CrowdFundMe

L’equity crowdfunding semplifica tutti i passaggi e allarga le possibilità per l’investitore semplice.

CrowdFundMe si occupa della selezione delle società, ne studia i bilanci, i business plan e le potenzialità di mercato, incontra e approfondisce la conoscenza con i fondatori, analizzandone la storia e i risultati.

Da questa scrematura, viene selezionata, in media, un’azienda ogni 30 che si candidano. A quel punto l’azienda deve realizzare una serie di passaggi tecnici richiesti da Consob e dalla legge per poter aprire la sua campagna.

Quando tutto è pronto, può presentarsi al pubblico e chiedere agli investitori di credere in lei. Il sito ha una sezione descrizione e altre aree, tra cui Strategia e Documenti, dove sono contenuti tutti i materiali necessari per studiare l’emittente. Ma esiste anche una sezione Question & Answer in cui chiunque può porre domande direttamente ai fondatori e ai manager, così da togliersi dubbi e intavolare un discorso diretto.

Per accedere ad alcune di queste sezioni è necessario iscriversi, ma l’iscrizione a CrowdFundMe è gratuita.

Scopri tutte le opportunità di investimento

Come investire in equity crowdfunding

Investire è molto semplice, bastano 3 passaggi.

Per chi non è ancora registrato, è necessario lasciare i propri dati e aprire un account. Su questo account sarà possibile anche controllare l’andamento dei propri investimenti. Per esempio se l’azienda farà un aumento di capitale a un valore maggiore per azione, la piattaforma registrerà l’aumento del valore dell’investimento. Dopo la registrazione è possibile navigare nella pagina Progetti, scegliere quello che si preferisce e poi cliccare sul tasto “Investi”.

La piattaforma chiederà di compilare dei moduli di garanzia, richiesti da Consob, per dimostrare di essere cosciente dell’investimento che si va a fare. Chiederà inoltre se si intende rubricare l’investimento. È una possibilità data insieme al nostro partner Directa. Aprendo un account (gratuito) su Directa, la rubricazione permetterà di vendere in futuro – senza spese e in pochi click – la quota dell’azienda a un altro investitore interessato. Senza la rubricazione, è necessario rivolgersi a un notaio, con tutto ciò che questo comporta, in termini di costi e di tempo.

Ultimo passaggio, la scelta della cifra da investire. Ogni campagna ha una cifra minima di investimento, ma è possibile investire quanto si preferisce. L’utente riceverà una mail con tutte le indicazioni del suo investimento, e l’Iban per poter inviare il bonifico. Finché non sarà inviato il bonifico, l’investimento non sarà realizzato, né contabilizzato. Dopo 7 giorni senza l’invio del bonifico, la proposta di investimento sarà annullata e sarà necessario rifare il procedimento dall’inizio.

Quando la campagna sarà conclusa con successo, l’azienda registrerà nei suoi documenti la partecipazione del nuovo investitore, che riceverà un documento che attesta l’investimento oltre a vederlo nel suo account di CrowdFundMe.

Nel caso in cui la campagna non raggiungesse il 100% dell’obiettivo, i soldi investiti saranno stornati sui conti degli investitori e l’investimento annullato.

1

REGISTRATI GRATIS

Inserisci i tuoi dati e crea il tuo account CFM
in pochi minuti
2

SCEGLI IL PROGETTO PER TE

Riempi i moduli di garanzia richiesti da Consob
e naviga nella pagina Progetti
3

SCEGLI LA CIFRA E INVESTI!

Decidi quanto investire e completa
il tuo investimento in innovazione

Come selezionare la migliore startup su cui investire

Non esistono modalità perfette di analisi per una startup. Ma come CrowdFundMe ci teniamo ad elencare alcune delle indicazioni che guidano il nostro lavoro:

Come funziona una campagna di equity crowdfunding

La startup decide il capitale minimo di cui ha bisogno e un capitale massimo. Decide anche la percentuale che quella cifra minima rappresenta sul totale del capitale sociale. Ciò porterà a valutare il valore pre-money dell’impresa. Una startup, essendo in una prima fase di attività, ha un valore “stimato”, nel senso che non si prendono in considerazione i bilanci ma le potenzialità economiche, attraverso dei metodi di valutazione comprovati internazionalmente: questo valore è definito “valore pre-money”. Nel caso in cui non raggiunga il capitale minimo, la campagna non andrà a buon fine e le cifre investite saranno stornate agli investitori.

Facciamo un esempio pratico: La ItalianStartup si presenta su CrowdFundMe, chiedendo 300.000 euro di investimenti minimi. Questi equivalgono al 10% del valore premoney dell’azienda, che è valutata 3.000.000 di euro. Il dottor Rossi decide di investire 2.000 euro. La campagna supera i 300.000 euro e quindi è in overfunding. Continua a raccogliere fondi e arriva al massimo che si è data, 1.000.000 euro. A questo punto la percentuale di capitale sociale concessa in equity crowdfunding è del 30%. Nel frattempo il dottor Rossi ha voluto anche aumentare la sua quota, aggiungendo altri 1.000 euro con un ulteriore investimento.

Quando la campagna finisce, il dottor Rossi sarà socio e investitore di ItalianStartup per 3.000 euro su un valore totale di 3 milioni di euro. Dopo un anno un fondo decide di investire in ItalianStartup, rilevandone il 10%, valutato 600.000 euro. Vuol dire che l’azienda sarà valutata nel suo complesso 6 milioni di euro, raddoppiando.

Allora anche l’investimento del dottor Rossi sarà raddoppiato, passando a valere 6.000 euro.

Come si guadagna con l’equity crowdfunding

Ci sono 3 modalità per monetizzare il guadagno per chi ha investito in equity crowdfunding:

Le detrazioni del 30% e le dichiarazioni dei redditi

Il governo italiano riconosce una detrazione del 30% del valore investito in startup innovative (attenzione, non tutte le startup sono innovative) per i 3 anni successivi all’investimento, se non si vendono le quote e se la startup non realizza una Exit. Nel caso in cui prima dei tre anni si realizzi una Exit o si vendano le quote, sarà poi necessario compensare il fisco con una quota pari alle detrazioni ottenute fino a quel momento.

Inoltre, è prevista una detrazione del 50% per investimenti in startup innovative al di sotto dei 200.000 euro di raccolta complessiva. Su CrowdFundMe però è molto difficile che le startup innovative raccolgano soltanto 200.000 euro.

Per inserire nella dichiarazione delle tasse e nell’Isee le quote delle startup, vi invitiamo a scaricare la nostra guida e a consultare il vostro commercialista.

Investimenti in startup per regime forfettario

Per chi ha un regime in partita Iva forfettario, non sono previste le detrazioni di cui sopra.

Lo Stato Italiano però prevede la possibilità di investire, a patto che non si sia in posizione di controllo della società (impossibile con l’equity crowdfunding su CrowdFundMe) che lavori nello stesso settore economico del lavoratore in partita Iva con regime forfettario.

Tasse sui guadagni

Gli investimenti in startup sono investimenti finanziari. Come tali, ogni guadagno viene, secondo le norme italiane, tassato al 26% (guadagno= ricavo finale-spesa iniziale). Se quindi il dottor Rossi vende la sua quota acquistata a 3.000 euro a 12.000 euro, dovrà pagare il 26% di tasse su 9.000 euro, pari a 2.340 euro e lo farà nella dichiarazione dei redditi dell’anno successivo.

I rischi dell’equity crowdfunding e i suggerimenti per investire

L’investimento in equity crowdfunding è considerato un investimento ad altissimo rischio. Le startup infatti hanno un tasso di sopravvivenza basso per loro natura. La possibilità di ottenere grandi ricavi va di pari passo con la possibilità di perdere quanto investito (in caso di fallimento) oppure di non veder crescere l’investimento (l’azienda viene svalutata).

Per questo consigliamo di differenziare i propri investimenti anche su opportunità meno rischiose (tra cui minibond e investimenti immobiliari) e di non investire mai i propri risparmi su una sola azienda e/o un solo settore economico.

Iscriviti gratis su CrowdFundMe