Il volto verde del crowdfunding di CrowdFundMe

29 gennaio 2019, 246 visite

Tree Solutions e Borsino Rifiuti, che hanno lanciato due campagne di raccolta fondi, sono società che uniscono il business alla sostenibilità…

Una cifra monstre: 750 miliardi di dollari. A tanto ammonta la massa in gestione mondiale dei fondi ESG, ovvero che investono in prodotti sostenibili sia dal punto di vista sociale che ambientale. Il dato, relativo al 2017, è evidenziato in un report di Blackrock.

I temi legati alla tutela dell’ambiente e all’economia circolare sono diventati prioritari nelle agende di diversi Paesi e di molte organizzazioni, Unione Europea compresa. E anche le startup italiane si fanno sentire. Come Borsino Rifiuti e Tree Solutions, che per portare avanti la propria filosofia di business hanno lanciato delle campagne di equity crowdfunding sul portale CrowdFundMe.
tree solutions
“Un futuro eco-sostenibile è l’unico futuro possibile. È un passaggio obbligato per la società e non può essere bypassato”, dichiara Amerigo Restucci, amministratore delegato di Tree Solutions. La società ha sviluppato Brain, un sistema di telegestione e telecontrollo per impianti termici non industriali che ottimizza i consumi.

“Con il nostro prodotto, ad esempio, si può ottimizzare l’utilizzo di energia da parte di una caldaia riducendo gli sprechi – sottolinea l’ad – La startup nasce infatti con due obiettivi. Il primo è risparmiare sulla bolletta grazie al minore consumo energetico: secondo i dati raccolti, cala tra il 20% e il 40%. Il secondo è ridurre le emissioni nocive, che è l’effetto di una gestione più oculata degli impianti”. Uno dei punti di forza del prodotto è la semplicità d’installazione, per la quale non c’è bisogno né di cambiare né di ristrutturare l’impianto termico dell’edificio.I capitali raccolti tramite crowdfunding da Tree Solutions serviranno a sviluppare ulteriormente la tecnologia del sistema che sfrutta il cloud per la raccolta dati. Inoltre con una parte dei fondi Tree Solutions punterà a strutturare l’attività commerciale per incrementare le vendite di Brain. La nuova struttura servirà per preparare la crescita prevista nei prossimi anni ma anche per centrare il target 2019 che è di superare 1 milione di euro di fatturato; anche se: “Il 70% dell’obiettivo sarà raggiungibile grazie agli accordi già in vigore con importanti partner commerciali come Eni Gas&Luce e Sorgenia”, conclude Restucci. Infine, Brain sarà protagonista di un evento di presentazione presso il Polihub il 31 gennaio.

BORSINO RIFIUTI
Con Borsino Rifiuti, che fa capo a Taebioenergy Srl, si apre invece un capitolo a parte. In sostanza, si tratta di una piattaforma che mette in contatto chi vende rifiuti e chi li compra per utilizzarli come materia prima. Si pensi agli scarti industriali delle aziende agricole, che possono essere impiegati per produrre nuovi beni di consumo a base vegetale (tessuti, abbigliamento, arredamento).
Borsino Rifiuti copertina
Per la startup, quella con CrowdFundMe è la seconda campagna di raccolta. “Dopo la prima, che è stata un successo, abbiamo fatto un’importante attività di marketing”, racconta Gian Luca Vorraro, cofondatore della società, che con i suoi servizi raggiunge già 1.000 municipalità sul territorio italiano. Vorraro prosegue: “La mole di lavoro è aumentata e con i nuovi fondi che otterremo la priorità sarà ampliare l’organico interno. Abbiamo bisogno di altre risorse umane soprattutto per seguire i clienti, sia sul territorio sia a livello di back office. Proprio lunedì 28 gennaio abbiamo attivato il trentunesimo concessionario, che gestirà il territorio di Trapani”.
Il nuovo anno è iniziato bene per la startup che dovrebbe chiudere il mese di gennaio già con circa 50 mila euro di fatturato. E, nel corso del 2019, il business di Borsino Rifiuti è rafforzato dalle collaborazioni con gli enti pubblici: “Non è scontato che queste realtà si affidino a una startup. Lavorare con le amministrazioni municipali, per esempio, è fondamentale. A maggior ragione considerando che i nostri servizi non sono più in fase sperimentale. Il comune di Aprilia (Latina), per citare un caso, ha già rinnovato la convenzione”, conclude Vorraro.

Devi essere autenticato per lasciare un commento