MAIN-logo.pngOgni giorno al mondo nascono decine, se non centinaia di società innovative con tecnologie che promettono di migliorare o rivoluzionare le nostre vite. Riconoscere le più promettenti, investire in esse, seguirne passo passo lo sviluppo, e aiutarle e a crescere al giusto ritmo verso il successo, è un’attività che richiede un know-how che può essere acquisito solo in lunghi anni di esperienza e presenza sul mercato. È questo know how il patrimonio più importnate di Management Innovation (MAIN), una società attiva dal 2008 nel campo della consulenza tecnologica e sui temi dell’innovazione (Innovation Consulting). Oggi, forti di un patrimonio di conoscenze e buone pratiche riassunte nella loro metodologia proprietaria NAUTILUS, i partner di MAIN hanno deciso di espandere le loro attività allo scouting di tecnologie innovative, e all’investimento finanziario nelle società che portano avanti queste tecnologie. Per sviluppare il Technology Scouting e affiancarlo alle sue più consolidate attività di consulenza e nell’Education, MAIN ha lanciato una campagna di equity crowdfunding sul portale CrowdFundMe.

Il Technology Scouting è, tra le attività di MAIN, quella con le potenzialità più importanti e la sua espansione è il motivo alla base del lancio della raccolta equity crowdfunding. Dopo dieci anni di attività nel capo dell’innovazione tecnologica in qualità di consulente aziendale, Management Innovation ha deciso di investire in prima persona nelle tecnologie innovative più promettenti dello scenario italiano e non solo. Attraverso il know-how maturato in molti anni, i partner della società identificheranno i migliori progetti innovativi, siano essi opera di startup, o di spinoff universitari, e li sosterranno attraverso un investimento iniziale di tipo Seed. Si tratta dell’acquisizione di quote di minoranza che permetteranno ai partner di MAIN di aiutare i team delle startup con le loro competenze manageriali specifiche, per portarle rapidamente a lanciare prodotti e servizi vendibili sul mercato. Inoltre, il networking degli stessi partner permetterà alle startup un’espansione commerciale più rapida e semplice.
MAIN_nautilus.png
Nel corso della sua attività di Technology Scouting, MAIN è entrata in due società con grandissime potenzialità. La prima è Green Energy Storage, nata nel marzo 2015, attiva nella realizzazione di batterie organiche a flusso, una tecnologia brevettata dalla Harvard University per cui GES ha l’esclusiva in tutta Europa. Questa società è valutata attualmente 10 milioni di euro e Management Innovation ne possiede una quota del 5,2%, per un valore di 518 mila euro. La seconda, vero fiore all’occhiello di MAIN, è Glass to Power, costituita nel 2016 e proprietaria di una famiglia di brevetti dall’Università di Milano Bicocca per la realizzazione di vetri fotovoltaici trasparenti. Management Innovation possiede il 5% della startup e ne esprime l’amministratore delegato, il suo Senior Partner e CEO Emilio Sassone Corsi.
Per MAIN si tratta solo dell’inizio: le risorse raccolte con l’equity crowdfunding su CrowdFundMe serviranno a realizzare nuovi e selezionati investimenti seed nelle startup più promettenti, individuate con una costante attività di monitoraggio e scouting nelle maggiori Università e Centri di Ricerca italiani e internazionali, nelle quali MAIN svolge il ruolo di “Technology Transfer & Valorization”. La raccolta ha come obiettivo minimo 100 mila euro e l’investimento minimo è di 250 euro. Secondo quanto riportato dalla società, tra 2018 e 2019 ha in programma investimenti in startup attive nei settori della CyberSecurity, nell’Energy Storage e Smart Grid e negli algoritmi per il riconoscimento di malattie congenite attraverso analisi del DNA.
CFM logo.pngL’obiettivo del business plan di MAIN è arrivare entro il 2020 ad acquisire partecipazioni in 5-7 società, per un valore degli investimenti tra i 5 e i 10 milioni euro, una strategia a cui si affiancheranno exit per valorizzare con plusvalenze le partecipazioni nel medio periodo. Management Innovation è una PMI innovativa e può perciò distribuire utili, e dovrebbe farlo a partire dal prossimo anno, con un tasso di payout del 20%, mentre il resto sarà reinvestito nel core business.
L’attività di MAIN tuttavia non si ferma agli investimenti, e la società continuerà a perseguire le attività storiche. In primis l’Innovation Consulting, la consulenza presso società industriali e non solo di primo livello, tra cui Edison, Accenture, Engineering, ERG e l’Istituto Nazionale di Astrofisica. Altra attività è quella nel campo dell’Education: diversi atenei e associazioni, come l’Università di Tor Vergata, l’Università degli Studi Internazionali di Roma, Università degli Studi di Milano Bicocca e Associazione Obiettivo 50. Nei corsi universitari di innovation management, i partner di MAIN illustrano le linee guida della loro metodologia proprietaria NAUTILUS, che è alla base del suo modello di business.