Parte la campagna di Biovalley Investments Partner, holding che investe nel settore sanitario!

Wednesday November 6th, 2019, 5176 Views

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Su CrowdFundMe è sbarcata Biovalley Investments Partner (BIP), una holding industriale specializzata negli investimenti in società innovative che operano nei settori BioHighTech (BioMed, Biotech, BioICT) e Lifescience. L’investimento minimo è di 20 mila euro e la campagna ha un primo traguardo di raccolta pari a 500.000 euro e un massimo di 2.409.600 euro. Il capitale raccolto servirà per proseguire il processo di creazione del valore delle società controllate o partecipate, ma anche per futuri investimenti in nuove imprese, con l’obiettivo di diventare un gruppo di riferimento e quindi quotarsi in Borsa.

La holding nasce dall’esperienza dell’ing. Diego Bravar, già fondatore di TBS Group SpA (ora Althea SpA), società che eroga servizi di gestione e manutenzione delle apparecchiature biomediche e che si è quotata in Borsa con successo per poi ricevere un’OPA da 100 milioni.
Nel 2016, Bravar  decide di lanciare, insieme ad altri imprenditori, Biovalley Investments Partner (di cui è presidente), al fine di capitalizzare il grande valore generato dal sistema della ricerca di Trieste e delle regioni circostanti, che conta 150 imprese attive nei settori del biomedicale, biotecnologico e bioinformatico, con un fatturato complessivo di oltre 800 milioni di euro e con più di 5.000 addetti.

Biovalley ha già iniziato a operare con successo, forte di un capitale sociale di 6,6 milioni di euro e di partecipazioni in 11 aziende che avranno, a fine 2019, ricavi a livello aggregato per circa 11 milioni di euro, con una crescita stimata superiore al 20% rispetto all’anno precedente.

Investire in Biovalley permette di diversificare il proprio portafoglio accedendo a startup e PMI innovative, accuratamente selezionate da un team di comprovata esperienza, ad alto potenziale di crescita. L’analisi del mercato di riferimento in Italia, inoltre, mette in luce un ecosistema attivo e dinamico, come evidenziato da un report di The European House – Ambrosetti:

  • L’industria farmaceutica, composta da 291 imprese, nel 2018 ha raggiunto il record storico per valore della produzione, pari a 32,2 miliardi di euro, con un aumento del 3,2% rispetto all’anno precedente;
  • Il biotech nel 2018 ha investito oltre 2,1 miliardi di euro in ricerca e sviluppo, generando un fatturato pari a 11,5 miliardi di euro, in crescita del 72% sul 2012;
  • Il comparto dei dispositivi medici è popolato da oltre 3.957 imprese, perlopiù di piccole e medie dimensioni (95%) e caratterizzate da un elevato grado di interconnessione. Il giro d’affari del 2018 si è attestato a 11,4 miliardi di euro con valore dell’export pari a 5,1 miliardi di euro, in aumento del 4,7% rispetto all’anno precedente.

Infine, ecco il curriculum delle due figure apicali (presidente e amministratore delegato) di Biovalley:

  • Diego Bravar: Ingegnere elettronico, fondatore e presidente di Biovalley Investments SpA e di Biovalley Investments Partner Srl, Vicepresidente di Confindustria Venezia Giulia, ex presidente e fondatore di TBS Group SpA (ora Althea Group).
  • Giovanni Loser: Laurea in corporate finance (Bocconi), ex direttore generale di Illycaffè, Coach Exo Sprint, esperienza trentennale in corporate finance per società quotate e non, startupper e profondo conoscitore dell’ecosistema della Silicon Valley e della Trieste Valley.

Leggi il business plan completo e diventa socio di Biovalley a partire da 20.000 euro.

 

 

You must be logged in to leave a comment