Sharewood.PNGSharewood , la startup che unisce il modello della sharing economy agli sport outdoor, ha conquistato un altro successo, vincendo la prima edizione di Startup Italian Open, competizione promossa da Fondazione Sistema Toscana e PromoFirenze in collaborazione con Phocuswright Europe e Travel Appeal.
La startup italiana accede così alla conferenza internazionale Phocuswright Europe, che si terrà nel maggio 2017 ad Amsterdam, un’occasione per mettersi in mostra sotto gli occhi dei più importanti investitori internazionali. Sharewood ha sconfitto altre 16 startup finaliste per vincere il premio.
Non è l’unica buona notizia per quella che potrebbe diventare l’AirBnB delle attrezzature sportive. Per sostenere il suo sviluppo Sharewood ha dato avvio ad una campagna di finanziamento equity crowdfunding su Crowdfundme, con un obiettivo di raccolta di 75 mila euro. La campagna si avvia verso il completamento del funding: ad oggi sono stati raccolti oltre 55 mila euro, il 74% della richiesta totale.
Sharewood, nata da un’idea arrivata su una spiaggia della Spagna, è arrivata ad una valutazione di 3 milioni di euro, è l’unica startup del suo genere in Europa e partecipa al programma intensivo di accelerazione di Vertical, leader nelle startup sportive. A nemmeno un anno dal via i numeri sono promettenti: 6500 membri della community, oltre 4000 attrezzature disponibile e più di mille scambi già conclusi. Inoltre sta già preparandosi ad arrivare in due mercati molto promettenti, la Finlandia (tra i paesi al mondo con il maggior numero di sportivi) e il Portogallo (frequentato dai surfisti di tutto il mondo).
sharewood.jpg
La piattaforma di Sharewood punta su semplicità e intuitività per rimediare ai problemi di spazio, peso, usura e costi, da sempre legati al trasporto di attrezzature sportive. Il noleggio ‘sharing’ consente di muoversi liberamente ovunque, con facilità, senza stress ed eccessive preoccupazioni.
Il business plan di Sharewood, in caso di raccolta a 75mila euro, ha obiettivi ambiziosi ma chiari: la crescita attesa della comunità di utenti di Sharewood dovrebbe portare ad un balzo del volume di scambi di attrezzature effettuati fino a 8,1 milioni di euro nel medio termine (terzo anno di attività). Con questa base di introiti, la startup prevede un Ebitda positivo già dal secondo anno di attività, mentre per il terzo anno è atteso un utile di oltre 3 milioni di euro.
Crowdfundme  ha recentemente introdotto il processo ‘Clicca&Investi’, grazie alle modifiche del regolamento Consob. I potenziali investitori possono completare l’intera operazione online. Nel caso di Sharewood l’investimento minimo è di 250 euro.
www.websim.it
www.websimaction.it